da non perdere
Incontri & Corsi: con ragazzi & adulti

Racconto: Anno 2020, un giorno di ordinario lavoro

Ferrovia TRANSIBERIANA: ai confini del mondo

SETTE: Australia nelle terre remote

Castelli: Contesse e fantasmi nei Castelli delle Donne

Sudafrica: cent'anni di Mandela

Deserti: Tra sabbie infuocate e notti stellate

Viaggi: Oman, sulla via delle spezie

Australia: luci e canguri

Viaggi: Passaggio in India

TSUKIJI ADDIO: Tokyo fish market

CENT'ANNI DI LEICA in 100 scatti

EXPO Viaggi: Italia chiama Mondo

PANGEA: 50 mila chilometri su e giù per il mondo

NEW ZEALAND: tra Maori e Hobbit

THAILANDIA: passaggio a Bangkok

LANGHE: sua Maestà il Tartufo

SANTUARI: i cammini del silenzio

VALSUGANA: grandi emozioni

RAJASTAN: il tempio dei topi

SUD AUSTRALIA: l'isola darwiniana

GRECIA: un orologio di 2000 anni

ALBA: caccia ai diamanti bianchi

KERALA: la medicina ayurvedica

JAIPUR: l'orologio di stelle e pietre

iCub: cuccioli di robot crescono

JAPPONE: Gran Seiko

Leonardo Chiariglione: papà Mp3

BANGALORE: la tecno India

AUSTRALIA: la fuga dei laureati

MATURITA': amarcord '68

L'Homo Zappiens di Mr.Veen

POLO NORD: turismo over the top

TOKYO: le Urban Tribù

REDMOND: gli italiani di Mr.Gates

ZOT: segni del tempo

INDIA: Ayurveda Land

Fotografie cifrate

Derrick de Kerckhove

Il computer del 2020

Cellular-satellitari

San PIETROBURGO: vita da Zar

VIRGINIA: il covo dei cyberpoliziotti

Attento! Il cellulare ti spia

COREA: la Glass Valley

SORDEVOLO: la Passione

Memorie digitali. Sono eterne?

Richard Stallman

JAPPONE: gli Lcd di Sharp

LIBIA: viaggio nel Sahara

Giovani&Web Ragazzi un consiglio: Mollate il telefono
febbraio 2020 ↓ scarica pdf

L'Economia del Corriere - 2 marzo 2020

Il telefonino arriva tra le mani dei ragazzi sempre prima. Ormai viene chiesto a genitori e nonni al passaggio tra Elementari e Medie. Che pure si devono intestare la sim. E una volta in possesso imparano subito a navigare sul web dallo schermo touch. Ebbene, quattro ragazzi su dieci tra 12 e 16 anni, passano da due a quattro ore al giorno connessi a internet. Guardando filmati streaming sui canali YouTube, chattando e postando immagini e video sui Social.
Lo rileva la recente ricerca di febbraio dell’osservatorio scientifico Social warning, movimento etico digitale condotta dal team del vicentino Davide Dal Maso. I dati provengono dai sondaggi effettuati lo scorso anno dopo avere incontrato 17 mila studenti italiani delle scuole primarie e secondarie, nonchè 4 mila genitori. Nel report emerge in modo preciso la difficoltà degli adulti a stabilire regole comuni per vivere il web con i figli.
continua la lettura sul Pdf








Links