da non perdere
Professione Blogger: sempre più cercati dalle aziende
giugno 2016 ↓ scarica pdf archivio >>

Corriere Economia - 27 giugno 2016

Quello dei blog è un fenomeno in espansione. Hanno superato i 156 milioni nel mondo e sono 500 mila in Italia. E dietro a ogni blog si trova il suo autore. Il blogger. Il “narratore del web” che descrive esperienze, condivide immagini ed esprimere opinioni. Scelto dalle aziende per raccontare la sua visione di un prodotto. Dalla prima fase amatoriale di qualche anno fa, adesso può diventare professione. Ma per avere successo l’obiettivo è uno solo. Aumentare il numero di follower e like, integrando sito e Social. Perché ormai i due ambienti Internet vivono in simbiosi. E se il blogger aumenta i clic dei post, cresce la sua visibilità. Dunque la possibilità di guadagnare. Franca Sozzani, la direttrice di Vogue definiva qualche anno fa i blogger: «una categoria anonima, eppure presente» e la loro espansione un «fenomeno troppo giovane per essere giudicato».

Ma la situazione è cambiata e oggi sono celebrati da testate autorevoli come Forbes, che ha realizzato lo speciale «how to make money as a blogger». Cioè come fare soldi da blogger. Oppure Times che ha indagato su come la fashion blogger Aimee Rose Francis riesca a guadagnare oltre 1000 euro con un post sulla pagina del suo blog Aimazin. È quanto emerge da un monitoraggio realizzato da Found!, un’agenzia di comunicazione milanese, per conto di Buitoni. Il panel ha riguardato 70 testate internazionali di attualità, lifestyle e tendenze, oltre a 30 docenti universitari italiani di sociologia e marketing. «Sempre più le aziende si affidano ai blogger per sfruttare il fattore storytelling e dunque l'esperienza emozionale del passaparola – spiega Pierluigi Musarò, professore di sociologia all’Università di Bologna – un fenomeno in evoluzione in cui ognuno vuole essere protagonista attraverso gli acquisti».

Perché un influencer, incidere sui gusti dei consumatori amplificando le tendenze del momento. Il meccanismo è quello del seeding, ovvero l’azione di rendere il web la cassa di risonanza dei contenuti di un blog. Tanti i casi italiani di successo. Tra le più famose Chiara Ferragni. Inserita da Fashionista.com al primo posto dei fashion blogger con 6 milioni di follower su Instagram e oltre 1,2 milioni di like su Facebook. E’ riuscita a raggiungere collaborazioni milionarie con marchi del calibro di Pantene, Guess, Mango, Tod’s, Disney e Italia Independent. Citata anche da Forbes tra gli Under 30 più influenti al mondo. E dopo la moda non poteva mancare il food. Altro palcoscenico di blogger. Perché la cucina è un ambiente ideale per veicolare messaggi e nuovi prodotti attraverso Internet. Un esempio emblematico riguarda la trentacinquenne Ilaria Mazzarotta, autrice del blog Comfort Foodie. Lei si definisce «un’equilibrista della vita». Grazie alla capacità di essere in armonia tra lavoro, famiglia e interessi personali.

Così da consumatrice ideale si è trasformata in esempio del target individuato da Buitoni. Uno dei pochi casi di successo di una blogger inserita in una grande azienda. Dieci anni fa arriva a Milano e apre il primo diario “Due cuori e un fornello” per Donna Moderna. Il segreto del successo? Dice a Corriere Economia: «essere sinceri e trasparenti con i lettori, dichiarare sempre quello che si fa, ma soprattutto trasformare la passione in lavoro». Ilaria è stata tra le prime ad integrare mondo blog e Social, recependo la forza comunicativa dei due media. «Facebook è la piattaforma per lo scambio diretto di esperienze, Instagram è invece il mezzo per comunicare il bello e la parte visiva di prodotti e ricette». Adeguarsi ai cambiamenti è la chiave di sopravvivenza di un blogger. Ecco perché Ilaria, non si ferma mai. E sta già guardando con interesse allo streaming web. Per fare racconti in diretta dalla cucina.

twitter @utorelli








Links