da non perdere
Natale HiTech: saldi anticipati
dicembre 2008 archivio >>

Offerte per tutte le tasche e abbondanza di promozioni. Al limite dei saldi anticipati. Con una consistente riduzione dei prezzi e il ricorso a formule del «compri adesso e paghi dopo a interessi zero». Sono queste le strategie per il prossimo Natale, messe in atto nei negozi del consumer elettronico e nelle catene informatiche della Gdo, la grande distribuzione organizzata. Due gli obiettivi: incentivare il consumatore allo shopping hitech e svuotare i magazzini all’insegna del “fuori tutto”. Una sola la paura: che la previsione di un calo medio delle vendite del 5%-6%, si riveli una stima in difetto. Un primo campanello d’allarme sulla crisi in atto arriva da Gfk-MS Italia. Spiega Antonio Besana: «le rilevazioni vendite dei primi 9 mesi 2008 hanno evidenziato una flessione del 3% sui prodotti tecnologici». Con desktop Pc scesi del 17% e telefoni cellulari che hanno segnato una diminuzione del 5,9% (vedi tabella). Reggono invece notebook, smartphone e web-cellulari di fascia alta. Ma quali sono le previsioni dei big della Gdo?

Secondo Pierluigi Bernasconi, numero uno di Mediamarket (gruppo tedesco Metro): «difficile pensare che i consumi hitech aumentino rispetto allo scorso anno. Ma non è detta l’ultima parola. Molto dipenderà dalle prossime tre settimane. Quando i vendor consolideranno le strategie commerciali». Allora, quali carte gioca Mediamarket, la maggiore catena del nostro paese, con 91 punti vendita tra Media World e Saturn, 7 mila dipendenti e un fatturato oltre 2 miliardi di euro? «diamo la possibilità ai clienti di acquistare al prezzo migliore su tutta la gamma di prodotti – continua Bernasconi – dall’economico lettore Mp3 al televisore da 50 pollici full Hd». Nei punti vendita i prezzi puntano al ribasso. Su tutta la gamma di prodotti. Ad esempio, rispetto allo scorso Natale, le Tv-Lcd hanno subito una diminuzione media del 20%.

Previsioni di un Natale sottotono anche per Euronics, secondo gruppo nazionale in termini di fatturato con 1,8 miliardi di euro: «gli italiani acquisteranno prodotti tecnologici, ma con attenzione ai prezzi – spiega il direttore generale Roberto Cuccaroni – e un occhio di riguardo per le offerte». Novità anche per il credito al consumo, finalizzato agli acquisti hitech. Nei negozi Euronics si registra una diminuzione del 6%-7% rispetto allo scorso anno. Ecco perché nelle strategie di vendita del gruppo sono inserite promozioni con finanziamenti “000”, a triplo zero, per stimolare gli acquisti e ridare fiducia al consumatore. E pagamenti rateizzati a partire dal 2009. Per fare di più bisognerebbe, di fatto, regalare i prodotti.

In pratica è quanto successo un mese fa all’apertura del centro Trony della Romanina, sul Raccordo Anulare. Una ressa di 14 mila persone, con calche da stadio, spintoni e vetri rotti. Per accaparrarsi, fino a esaurimento, console per videogame a 99 euro e cellulari da 9 euro. Un esempio di incività dei consumatori ben documentata dai filmati di YouTube, che però ha fruttato alla catena l’emissione di 6100 scontrini di cassa. E fino a Natale continueranno le promozioni. Dice Alfonso Polidori, responsabile marketing: «in questo periodo Trony offre prodotti di marca al prezzo di costo, e altri a cifre promozionali. Le offerte interessano il gaming, i computer portatili, telefonia e piccoli elettrodomestici».

Ma ci sono rischi per i consumatori, all’acquisto convulso dei prossimi giorni? Qualche consiglio arriva da Adiconsum. Spiega Mauro Vergari, responsabile Media digitali e Ict: «per prima cosa bisogna diffidare dei prezzi troppo bassi, fuori mercato. Potrebbero nascondere prodotti hitech obsoleti, non abilitati per le nuove tecnologie». E’ il caso delle Tv-Lcd non predisposte al cosiddetto “Hd ready”. Si tratta spesso di residui di magazzino: «che dovranno essere sostituiti con l’arrivo dell’alta definizione». Avvertenze di Adiconsum anche sul fronte dei decoder digitali. Qui il consumatore deve sapere che: «apparecchi da poche decine di euro consentono la visione dei programmi in chiaro – continua Vergari – ma escludono le pay per view». Attenzione anche sul fronte dei NetPc, i computer super-leggeri, venduti a meno di 400 euro. Vanno bene per navigare su Internet ed effettuare operazione basic. Ma conclude l’esperto Adiconsum: «non possono essere considerati alla pari di Pc multimediali, né adatti al gaming». Ancora una volta nessuno regala niente. Così prima degli acquisti natalizi vale la pena informarsi. Confrontando prestazioni e prezzi.








Links