da non perdere
FlexPhone il cellulare flessibile
gennaio 2013 archivio >>

17 gennaio 2013

Il 2013 sarà l’anno dei display flessibili. Una rivoluzione, non solo tecnologica, che apre nuovi scenari rimasti fino ad ora inesplorati nella creatività dei designer. E’ l’inizio di una nuova generazione di dispositivi digitali con una vasta potenzialità di utilizzo. iFlex, un concept di flexPhone (cioè di telefonino flessibile), è stato ideato dallo studio de Poorter Design di Milano. Un esempio di possibilità offerte da questi nuovi display. Ecco come è stato pensato questo concept.

I due lati rigidi del flexPhone in alluminio, sono agganciati alla parte centrale in silicone, con anima deformabile, grazie alla quale il dispositivo può assumere e mantenere ogni angolazione desiderata. E’ dotato di chiusura magnetica in posizione piegata, che protegge il display da graffi e urti. Il display flessibile tipo touchscreen è coperto da una cornice di protezione in nylon.

Un concept come l’iFlex farà nascere le flexApp, una nuova generazione di applicazioni software, che non sono mai state possibili con display rigidi. Nelle figure riportate sono illustrati nuovi esempi d’uso, come il make up digitale per signore, il segnaposto dei relatori in convegni, con il nome per il pubblico su un lato, e il tempo di parola rimanente sull’altro.

E ancora la sveglia da mettere sul comodino, che si spegne con un tocco della mano sulla sommità. Ovviamente lo stesso principio può essere applicato ai tablet, e perché no, anche ai computer portatili.

Maggiori informazioni sul sito Futurix

twitter @utorelli








Links