da non perdere
Viaggi: Trentino d'estate
luglio 2016 ↓ scarica pdf archivio >>

Corriere Viaggi - 8 luglio 2016

Castelli tra i meleti, musica classica e jazz in alta quota. E poi centinaia di chilometri di piste ciclabili e opere d’arte “viventi” nei boschi. Queste, solo alcune delle proposte che il Trentino offre ai turisti quest’estate. Tutte all’insegna di natura e relax. Chi arriva a Trento può iniziare dal Castello del Buonconsiglio, icona della città. Costruito attorno al Mastio, la possente torre difensiva del XII secolo. Dalle stanze del Magno Palazzo, residenza dei Principi Vescovi dall’immenso potere religioso e temporale, si arriva alla Torre dell’Aquila. A stupire il visitatore per la realtà pittorica sono i 12 affreschi del ciclo dei Mesi. Con scene di vita quotidiana di nobili e contadini durante semina e raccolto, vendemmia e caccia invernale. All’esterno nell’antica Selva dei Cervi sostate nella Fossa dei Martiri, dove il 12 luglio 1916 venne giustiziato Battisti.

E proprio in occasione del centenario si inaugura la prossima settimana la mostra rievocativa: «Cesare Battisti tra Vienna e Roma». E’ consigliata la prenotazione per la visita guidata (www.buonconsiglio.it).
Sopra Trento, entrando in Val di Non si scorge sulla destra l’imponente Castel Thun. Un elegante palazzo signorile, circondato da grandi mura, residenza dal Medioevo a fine ‘800 della potente famiglia trentina. Il massimo dello sfarzo si ritrova nella Stanza del Vescovo, interamente rivestita in profumato legno di cirmolo. Con tanto di porticina segreta per l’accesso a misteriosi visitatori. Molte le attività estive in Val di Non. Da segnalare le camminate di mezza giornata che dai meleti di fondovalle raggiungono gli alpeggi, con merenda nei Masi (www.visitvaldinon.it).

Sono oltre 200 i manieri grandi e piccoli, in maggioranza ristrutturati. Un modo originale e rilassante per visitarne alcuni lo offre il “trenino dei Castelli” che da Trento sale a Malè. Da lì in pullman si procede verso Castello San Michele a Ossana e Castel Caldes, la porta d’accesso alla Val di Sole. La giornata prosegue a Castel Valer un elegante residenza privata ancora abitata dalla famiglia e infine Castel Thun. Le corse si effettuano il sabato (dal 23 luglio al 3 settembre), il prezzo di 62 euro include anche pranzo e merenda. E’ necessario prenotare, pochi i posti ancora disponibili (www.iltreninodeicastelli.it).

Riparte fino al 26 agosto la 22esima edizione de “i suoni delle Dolomiti”. Un programma di concerti in quota che spaziano dalla musica classica al jazz, dalla world music alla canzone d’autore. Tra i protagonisti di quest’anno Misha Maisky, Stefano Bollani e Mari Boine. Le performance si svolgono di pomeriggio vicino a rifugi alpini e malghe. Gli amanti della natura non possono mancare la visita ai «boschi incantati» di Arte Sella che compie 30 anni. Salendo da Borgo Valsugana iniziano ad apparire le opere, realizzate da artisti italiani e stranieri. Rigoroso l’utilizzo di materiali “green” come tronchi, radici, blocchi di legno e argilla. Le strutture viventi si integrano in modo armonioso col territorio, come “la Cattedrale vegetale”. L’opera realizzata nel 2001 dall’italiano Giuliano Mauri è ancora in fase di crescita. Occorreranno un’altra decina d’anni perchè i rami delle piante si chiudano ad arco, assumendo forme e dimensioni di cattedrale gotica (www.artesella.it)

Il bike-turismo regna sovrano in Trentino, con 431 chilometri di piste ciclabili. Lo scorso anno oltre 1,8 milioni di biker le hanno percorse. Il progetto iniziato nel 1998 dalla Provincia Autonoma di Trento, comprende oggi una capillare rete che tocca 120 Comuni. E quando siete stanchi di pedalare niente di meglio della sosta in uno dei 12 bicigrill. Attrezzati per piccole manutenzione e la ricarica delle e-bike. Per facilitare i percorsi le piste sono classificate per difficoltà, con colori diversi. Utile ai genitori in compagnia di bambini. Le regole seguono il semaforo. Il verde significa tratti facili, giallo i medi, rosso i più impegnativi. Originale la formula «bici più treno», come la ciclabile della Valsugana.

Un itinerario di 80 chilometri, con partenza da Levico e arrivo a Bassano del Grappa. Si compie in comode tappe in fondovalle, seguendo le sponde del Brenta. I più allenati possono cimentarsi con fuori pista in montagna, verso gli alpeggi della Grande Guerra, come Cima Dodici sull’altopiano di Asiago. E per fare meno fatica niente di meglio che una tecnologica e-bike a pedalata assistita (www.valsuganarentbike.it). Da Bassano il ritorno si fa in treno con bici al seguito. Invece, chi ha la gambe allenate può cimentarsi sui nuovi itinerari delle «Grandi salite» sulla scia dei campioni del ciclismo. Come la classica Trento, Monte Bondone con arrampicate del 10%. Ma la vetta del Passo Pordoi è il top delle salite in bici. Un serpentone di tornanti di 13 chilometri per raggiungere lo sperone di roccia a 2239 metri di fronte alla Marmolada. La Regina delle Dolomiti.

Per risparmiare durante la vacanza richiedete la Trentino Guest Card. Consente di viaggiare gratis con il trasporto pubblico provinciale, di entrare con “generosi” sconti in più di cento tra musei, castelli, parchi naturali e strutture termali. E’ disponibile in oltre mille alberghi, camping e B&b (www.visittrentino.it).
Umberto Torelli

I LAGHI TRENTINI COL BOLLINO
«Preziosa perla in più prezioso scrigno», così il poeta Fogazzaro definiva il lago di Molveno. Incastonato nella cornice naturale delle Dolomiti di Brenta che lo circondano. Legambiente e Touring Club Italiano per il settimo anno gli hanno dato il riconoscimento “5 Vele”. Inserendolo nella speciale graduatoria riservata agli specchi d’acqua più belli d’Italia. Ma il Trentino vanta altri laghi blasonati. La Bandiera Blu d’Europa sventolerà durante l’estate anche sulle spiagge dei laghi di Levico e Caldonazzo. Le motivazioni della Fee (Foundation of environmental education) oltre alla purezza delle acque, riguardano i servizi turistici e la gestione sostenibile del territorio.

twitter @utorelli









Links